LOGOMARRONE SFONDO trasparente100200

Parrocchia ucraina a Roma

hiesa cattedrale

dei Santi martiri Sergio e Bacco e dell'icona di Nostra Signora di Žyrovici

Жировицька Богородиця

Sepolture nella cripta

Korsak   Gli antichi epitaffi scritti sulle lastre di marmo della pavimentazione rimandano alla sepoltura del metropolita di Kyiv e di tutta la Rus’ Rafajil Korsak (1595 o 1601, Novgorodok - 28 agosto 1640, Roma): «Rafajil Conte Korsak, arcivescovo di Kyiv e di Halych, metropolita di tutta la Rus’, inviato dal re polacco Zygmunt III alla Sede Apostolica per risolvere questioni molto importanti e beatificare Giosafat Kuntsevych, arcivescovo di Polotsk. Terminò il lavoro in modo accurato e felice. Decorò questa chiesa con le sacre tovaglie e i doni d'oro e d'argento che ebbe portato con sé, e chiese al Papa Urbano VIII una casa vicina per i monaci della sua nazione, appartenenti all'Ordine di San Basilio Magno. Morì prematuramente e fu sepolto qui. I monaci di Polotsk posero questa lapide commemorativa il 17 dicembre 1673”.

Un'altra targa commemorativa indica la sepoltura, nella cripta della chiesa, di Ioan Inocențiu Micu-Klein (1692-1768), vescovo della Chiesa greco-cattolica rumena di Făgăraș, che morì il 22 settembre 1768 e fu sepolto nella cripta della chiesa dei Santi martiri Sergio e Bacco. Il 22 giugno 1997, i suoi resti furono trasferiti nella chiesa del Collegio Pio Romeno a Roma. Successivamente, il 2 agosto 1997, i resti furono trasferiti a Blaj, dove il 19 ottobre 1997 ebbero sepoltura nella

Cattedrale della Santissima Trinità.
Nella cripta riposano i resti di altre persone che per diverse ragioni furono sepolte al suo interno.

ugcc

Chiesa Greco-Cattolica Ucraina

ugccEsarcato Apostolico per i ucraini in Italia

ugcc

Parrocchia ucraina a Roma